Dello stesso autore

“Figura seduta” Morato 1947

Eleganza da cerimonia 2

Eleganza da cerimonia

Tendenza mauve da GIO’ PIU’ in via San Fermo 55 a Padova

La farfalla imprigionata

“La farfalla imprigionata” è un’esposizione dei costumi di scena del prestigioso allestimento dell’opera Madama Butterfly del Teatro Verdi di Trieste e di una collezione di corsetti. La mostra, che sarà inaugurata il 17 febbraio alle ore 18.00, costituirà un’occasione per parlare della condizione della donna tra bellezza e prigionia culturale. Nel corso dell’inaugurazione, la soprano Shuko Kinoshita, accompagnata alla tastiera da Federico Marchionda, eseguirà alcuni brani tradizionali giapponesi e l’aria “Un bel dì vedremo” dall’opera di Giacomo Puccini.
Mostra a cura di Andrea Furlan.

18 febbraio-18 marzo 2012
Galleria Samonà, via Roma, Padova

inaugurazione: venerdì 17 febbraio 2012, ore 18.00

Summer 2012 Marras


Poesia? Abiti? come vestire per vivere poeticamente?

Ancora cuori golosi

Tratto da GLAMOUR tendenze primavera estate: il FUCSIA

Piccolo dono di San Valentino

Tratto da GLAMOUR tendenze primavera estate: il GIALLO

Gatto sulla sedia, cartella colore della primavera

MGA1500 roadster 1957

AUDREY a ROMA

Una classe inimitabile, uno stile da copiare sempre. 

“Courrèges revolution”

Per celebrare i 50 anni della Maison Courrèges
10 Corso Como presenta nella Gallery Shop
una serie di abiti, borse, oggetti iconici
che contraddistinguono per forme e colori
lo stile Courrèges.

In esclusiva una borsa e una visiera
10 Corso ComoCourrèges.

Da Sabato 11 Febbraio 2012 a Domenica 22 Aprile 2012 

10 Corso Como
Corso Como 10 – 20154 Milano t. 02.29002674

www.10corsocomo.com

 

L’albero Dei Fiori di Martini Simonetta & C. Snc a Padova

Primavera 2012 colori di ZARA

Cristobal Balenciaga

Nato nel 1895,[1] durante l’infanzia spesso aiuta la madre, cucitrice, [1]ed all’età di dodici anni comincia a lavorare come assistente di un sarto.[2] Durante l’adolescenza, la marchesa di Casa Torres, importante nobildonna della sua città, diventa sua cliente e protettrice.[1] La marchesa invia il giovane Balenciaga a Madrid, dove apprende l’arte della sartoria.[1] (Di fatto, Balenciaga fu uno dei pochi stilisti a disegnare, tagliare e cucire da solo le proprie creazioni.)
Balenciaga ottiene un ottimo successo in Spagna come designer, che gli permette di aprire una boutique a San Sebastián, nel 1919,[3] a cui ne seguono altre a Madrid e Barcellona.[1] La famiglia reale spagnola e l’aristocrazia apprezza particolarmente le creazioni di Balenciaga, ma la guerra civile spagnola lo costringe a chiudere le sue boutique, e a trasferirsi a Parigi.[2][1] dove apre la propria casa di moda nel 1937.[1]
Il successo però non arriverà prima della fine della seconda guerra mondiale. Il culmine del successo di Balenciaga arriva nei primi anni sessanta grazie ad una reinterpretazione del classico abito impero. Nel corso degli anni cinquanta e sessanta, il nome della casa di moda Balenciaga si consolida definitivamente nel campo dell’alta moda. Tuttavia nel 1968, con l’avvento del Pret-a-porter, Balenciaga si ritira, [2] pur rimanendo di grande ispirazione per successivi stilisti di fama internazionale come Oscar de la Renta, André Courrèges, Emanuel Ungaro, e Hubert de Givenchy.[1] attualmente il marchio Balenciaga è in mano a Nicolas Ghesquière, e fa parte del gruppo fiorentino Gucci.[4]
Balenciaga muore a Valencia nel 1972.

MODA ANNIi 50 – 60: BALENCIAGA 50s – 60s