Mostre

Manet, ritorno a Venezia

Manet. Ritorno a Venezia è il titolo della mostra che la Fondazione Musei Civici di Venezia ospiterà dal 24 aprile al 18 agosto 2013 nelle monumentali sale di Palazzo Ducale: un’esposizione di un’ottantina circa tra dipinti, disegni e incisioni, progettata con la collaborazione speciale del Musée D’Orsay di Parigi.

 

L’esposizione, come di tutta evidenza dall’eccezionale ed emozionante accostamento della sfrontata Olympia alla Venere di Urbino prestata in via del tutto eccezionale dal Museo degli Uffizi, mina così definitivamente convenzioni fin troppo ripetute, ovvero che l’arte francese, e quella di Édouard in particolare, abbia raggiunto la propria indipendenza, sincerità e naturalezza solo nel respingere l’influenza del classicismo italiano. Ed è davvero emozionante vedere come la lezione tizianesca sia stata rivisitata eliminando certo – e la cosa è posta in risalto dal confronto ravvicinato – lo sfumato e i chiaroscuri e imponendo la linea fortemente tratteggiata, secondo un cromatismo di contrasto e di rapida stesura del colore, eppure avendo sempre come presenza costante di riferimento la celeberrima esecuzione del maestro veneto. Due interpretazioni della donna e del nudo così diverse eppur “vicine”, che già al solo apparire destarono entrambe scandalo, secondo corsi vichiani ben noti anche alla storia dell’arte e che nel passare del tempo preservano intatto il loro fascino. “

tratto da:http://www.ilsole24ore.com/art/cultura/2013-04-24/manet-ritorno-venezia-094738.shtml?uuid=AbAEm4pH